E-commerce: tutti gli adempimenti amministrativi e fiscali

Coloro che intendono avviare una attività online come un e-commerce, oltre a dover creare un sito web che attiri la clientela, devono considerare alcuni adempimenti amministrativi e fiscali. Vediamoli in dettaglio:

  • Aprire la Partita IVA: è un obbligo che riguarda tutti i soggetti che intendono aprire un sito di e-commerce. Deve essere aperta prima dell’avvio dell’attività attraverso il modello AA9/11 o il modello AA7/10, nel caso di persone fisiche o altri soggetti rispettivamente.
  • Iscriversi alla Camera di Commercio ed entro 30 giorni dall’inizio dell’attività al Registro delle Imprese attraverso l’invio telematico della Comunicazione Unica. L’iscrizione alla Camera di Commercio e al Registro delle Imprese è obbligatorio per tutti. Ci verrà richiesto di dare comunicazione al proprio comune di residenza (o al comune dove si trova la sede legale) della nostra intenzione di vendere on-line.
  • Iscriversi all’INPS e all’INAIL. Se si vogliono effettuare vendite in ambito europeo, è necessario, inoltre, iscriversi al VIET (VAT Information Exchange System). L’ultimo adempimento da compiere è quello di comunicare al comune di residenza l’apertura del sito, presentando la SCIA (Segnalazione Certificata di Inizio Attività) allo Sportello Unico per le Attività Produttive (SUAP).
Ti è piaciuto questo articolo? Votalo!
[Total: 32 Average: 4.8]