Fotografie e video con Android

Ormai lo smartphone è diventato una fotocamera da avere sempre con noi per catturare tutti i momenti più divertenti della nostra giornata

L’app Fotocamera o (Camera) su Android è sempre presente nella schermata principale ed è accessibile anche direttamente dalla schermata di blocco dello smartphone per non rischiare di farci perdere l’attimo giusto. Proprio perchè a volte è questione di pochi istanti, alcuni dispositivi hanno un tasto dedicato allo scatto e altri consentono anche un’attivazione immediata partendo dallo schermo spento: con uno smartphone Samsung per esempio è sufficiente premere due volte il tasto centrale per attivare la fotocamera, con quelli LG invece è necessario premere due volte (o tenere premuto) il pulsante di abbassamento del volume.
Oltre all’app già presente sui nostri dispositivi è possibile scaricare altre app per scattare foto. La più famosa è Instagram che consente di applicare dei filtri che danno un aspetto retrò alle nostre foto e di condividerle immediatamente con gli amici.

Verticale o orizzontale

Le fotografie scattate con uno smartphone o un tablet sono rettangolari, una foto verticale è perfetta per essere visualizzata su uno smartphone ma vista al computer o sul televisore avrà delle fastidiose bande nere ai lati; scattando in orizzontale invece sarà necessario ruotare il dispositivo per vederla a tutto schermo. Pensiamoci prima di scattare.

Basta un tocco

Scattare fotografie con lo smartphone o il tablet è semplicissimo: basta un tocco sull’icona della macchina fotografica. Realizzare buoni scatti è invece più difficile.
Lo smartphone non è facile da tenere fermo e scattare dovendo toccare lo schermo crea facilmente delle immagini leggermente mosse.

Scatti fermi

Per evitare di muovere il dispositivo mentre si scatta alcuni smartphone hanno un sistema di stabilizzazione delle immagini come quello delle fotocamere. Altri danno la possibilità di scattare premendo un pulsante dedicato o utilizzando quelli del volume posti sul lato dello smartphone, così il telefono si tiene in maniera più solida.

Avviciniamoci al soggetto

Tutte le fotocamere si smartphone e tablet sono dotate di uno zoom, a volte si può attivare con i tasti volume, altre semplicemente pizzicando lo schermo con due dita. Lo zoom ci avvicina al soggetto ma riduce ciò che possiamo catturare e l’immagine risulterà più sgranata.

I selfie

Un selfie non è altro che un autoscatto realizzato con la fotocamera frontale del dispositivo, guardando sè stessi sul dispaly. La camera frontale si attiva con l’icona della macchina fotografica con le frecce, per tornare a utilizzare la fotocamera posteriore basta toccare nuovamente la stessa icona.

HDR questo sconosciuto

Gli smartphone più recenti offrono la possibilità di scattare immagini in HDR (High Dinamic Range). Questo sistema scatta diverse fotografie contemporaneamente a esposizioni diverse (una più scura e una più chiara) e le mette poi assieme per ottenere una foto con i particolari ben visibili anche in situazioni di luce difficile.

Foto panoramiche

Un’altra funzione molto utilizzata è quella che consente di unire tra loro orizzontalmente più scatti per ottenere una foto panoramica che abbracci tutto l’orizzonte, il dispositivo scatterà da solo e alla fine unirà le fotografie.

I video

Oltre alle fotografie è possibile realizzare anche dei video, basta premere l’icona con il punto rosso. Con i video è importante cercare di muoversi in maniera più fluida possibile e stare attenti anche ai rumori e ai suoni circostanti.

Piccoli trucchi

Dalle impostazioni attiviamo la griglia che ci permette di mantenere la linea dell’orizzonte con più facilità. Quando scattiamo una foto a un soggetto con una forte luce alle spalle possiamo illuminarlo con il flash anche se è giorno.

Ti è piaciuto questo articolo? Votalo!
[Total: 27 Average: 4.9]