Trasformare lo smartphone in un modem

Tra le tante funzioni di tutti gli smartphone Android c’è quella di poter trasformare il dispositivo in un vero e proprio modem.
Grazie a questa caratteristica, possiamo, ad esempio, navigare su Internet con il tablet o con un computer portatile sprovvisti di una connessione telefonica in qualunque posto ci troviamo. E’ un’opzione davvero utile quando siamo in vacanza o mentre siamo in viaggio e non abbiamo a disposizione la nostra connessione Wi-Fi di casa e dell’ufficio. Una volta effettuata la semplice impostazione che andiamo a descrivere nei due punti seguenti, lo smartphone verrà visto dall’altro dispositivo come una normale connessione Wi-Fi. Ci basterà collegarci ad essa selezionandola e inserendo la password corretta.
Potremo navigare, scaricare la posta e fare qualsiasi attività online esattamente come se fossimo a casa nostra. In alcuni casi, se ad esempio abbiamo uno smartphone dotato di connettività 4G, la navigazione potrebbe risultare addirittura più veloce di quella con l’ADSL di casa.

Windows 10 ha impostazioni dedicate a preservare il consumeo del traffico ma se non sono impostate correttamente o abbiamo un sistema operativo diverso, in men che non si dica, potremmo consummare tutti i GN mensili a disposizione

Impostare la connessione

Nelle impostazioni dello smartphone tocchiamo “Altro”, quindi “Tethering e hotspot personale”. Tocchiamo “Configura hotspot Wi-Fi. Diamo un nome alla rete, quindi digitiamo una password di otto caratteri, il nome e la password che utilizzeremo per collegare in Wi-Fi l’altro dispositivo.

Attivare l’hotspot

Per condividere la connessione a Internet dello smartphone con un altro dispositivo che ne è sprovvisto, non ci resta che attivarla portando su “On” l’interruttore “Hotspot Wi-Fi portatile“. Al termine della navigazione ricordiamoci di spegnerlo in quanto questa funzione comporta un elevato consumo della batteria riducendo l’autonomia.

Ti è piaciuto questo articolo? Votalo!
[Total: 29 Average: 4.7]